quartiere arte2casa morra2museo nitsch2shimamoto2LOGO TOP VIGNA

fondazione morra - Fondazione Morra

History

The Fondazione Morra - Istituto di Scienze delle Comunicazioni Visive aims to promote and organise research and to develop and spread the culture of visual communication.

The Fondazione Morra traces its origins to the “Studio Morra”, which began operating in 1974. Giuseppe Morra, who had always been fascinated by the subversive potential of the avant-garde, was one of the first in Italy to promote artists coming from Viennese Actionism and Body Art. In the seventies, the studio hosted artists such as Hermann Nitsch, Günther Brus, Urs Lüthi, Gina Pane, Joe Jones, Marina Abramovic, Bob Watts and Peter Kubelka. The early eighties saw the first exhibitions by the Fluxus group, whose art goes beyond structure, understood as an action in the present, in real space. For Fluxus, art is an event that incorporates all disciplines and styles, so the times of art and life become one and the same, where any object, any gesture, wherever they come from, can cross the threshold of art. In the late eighties, the Studio focused primarily on Visual Poetry, holding numerous exhibitions with the most influential visual poets, such as Carrega, Luca, Martini, Miccini, Pignotti, and Chopin, becoming one of the most important centres for visual poetry in Italy. Visual poetry examines mass communication and is, at the same time, its channel of expression. In the nineties, a series of exhibitions were devoted to the up-and-coming artists and trends of the day. One of these was Bruno Munari's 1990 “Sculture nella città” (Sculptures in the City), comprising a selection of large metal sculptures displayed along the Naples waterfront. The sculptures became signals for the imagination, intriguing viewers and stimulating their imaginations. 1992 saw the reconstruction of four Environments by Allan Kaprow. As the creator of the ‘Environment’, Kaprow sees art as the material expression of feelings, desires, and emotions, where the viewer is no longer a passive contemplator of objects, but an active protagonist of movement, crossing the threshold of art. In the same year, Studio Morra moved from the Chiaia district to the Rione Sanità and became the Fondazione Morra, whose artistic and cultural raison d'être is “art for the sake of research and knowledge”, strongly affirming the social purpose of cultural promotion as a means of re-evaluating particularly problematic social contexts. On September 13th 2008, the new head office/museum was opened at number 29d Vico Lungo Pontecorvo. It consists of the Museum Archive/Hermann Nitsch Workshop, a place where the works of Hermann Nitsch are brought together and displayed, but also a culturally active centre, engaged in critical and theoretical reflection on the work of this great Austrian artist, organised according to a set of core principles:

  1. the Centre for Documentation, Research and Training. Here texts, images and events from the twentieth century onwards are digitalised and the website is kept up to date
  2. the Department of Independent Experimental Film
  3. the Contemporary Music Library, from 1940 to the present day
  4. the Centre for the Performing Arts and Multimedia. The Centre is computerised and has the potential for connection and streamlining with planned future archives
  5. the Library of the Avant-garde and Neo-avant-garde. This is a new space in a building next to the Nitsch Museum covering an area of approximately 240m2

On October 28th 2016, Giuseppe Morra opened a new museum, Casa Morra - Archivio d'Arte Contemporanea, in Palazzo Ayerbo D’Aragona Cassano, a 4,200m2 complex that will gradually be refurbished to house the large Morra collection, consisting of over 2,000 works. It will also host exhibitions dedicated to the artists of the Fondazione and those of the youngest generation. Casa Morra is a dynamic space set up to stimulate reflection and research on society and its evolution; it is a “house of ideas” and a centre for environmental rehabilitation, social innovation, and a residence for artists, as well as a home to creativity, research, practice, workshops, poetry, theatre, music, cinema, seminars, conventions and meetings.

The Fondazione Morra not only promotes and organises research, developing and spreading the culture of visual communication, but it is also dedicated to producing and handing contemporary culture down across the generations. In the light of the work carried out in its various departments, and especially bearing in mind its socio-cultural context, the Fondazione aims to set up activities geared to an authentic reading of the complex dynamics that arise within the micro- and macro social systems of production and the economy of the “culture of communication”. These activities will promote projects with independent groups and institutions in order to involve and recruit those wishing to promote communities able to develop, and put to good use, the resources of the cultural territories. The Fondazione is registered in the Regional Government's “High Culture” Registry and was recognised as a Museum of Local Interest in 2007 after registration as a legal entity in 2005.

The Fondazione Morracollaborates with numerous bodies at home and abroad, including the Kaprow Estate,Los AngelesRome, MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo –Rome, Galleria Nazionale d’Arte Moderna -Rome, MACRO Museo d'Arte Contemporanea di Roma – Torino, GAM Galleria Civica d’arte moderna e contemporanea - The University of Texas at Dallas - the Faculty of Architecture at the “Federico II” University of Naples, and the Departments of Philosophy and Mathematics and Computer Science at the University of Salerno, the Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee-museo MADRE - Naples, PAN Palazzo delle Arti Napoli - Naples, the Centro per l’arte Contemporanea Luigi Pecci - Prato, the Accademia delle Belle Arti - Naples, the Accademia delle Belle Arti - Brera, the ISA Universidad de las Artes , Cuba, Mart - il museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Fondazione Mudima – Milan, the Museum of Modern Art Ludwig Foundation - Vienna, the Anthology Film Archives - New York, and the Al Hansen Archive - California.

Storia

La Fondazione Morra - Istituto di Scienze delle Comunicazioni Visive ha lo scopo di promuovere e organizzare la ricerca, la realizzazione e la divulgazione della cultura delle comunicazioni visive.

La Fondazione Morra trova le sue origini con lo “Studio Morra” che inizia la sua attività nel 1974. Giuseppe Morra, da sempre affascinato dal potenziale eversivo delle avanguardie, è tra i primi in Italia a proporre gli artisti dell’Azionismo Viennese e della Body Art. Negli anni settanta allo Studio passano artisti come Hermann Nitsch, Günther Brus, Urs Lüthi, Gina Pane, Joe Jones, Marina Abramovic, Bob Watts e Peter Kubelka. Nei primi anni Ottanta seguono le esposizioni dedicate al gruppo Fluxus, che intende l’arte fuori dalle strutture come opera di intervento nel presente, nello spazio reale. In Fluxus il momento artistico è un evento che ingloba in sé tutte le discipline e gli stili, per cui il tempo dell’arte diviene quello della vita, in cui ogni oggetto, ogni gesto, proveniente da qualunque area, può varcare la soglia dell’arte. Nella seconda metà degli anni Ottanta l’attività dello Studio è dedicata principalmente alla Poesia Visiva, grazie alle numerose mostre e alla presenza dei più significativi poeti visivi come Carrega, Luca, Martini, Miccini, Pignotti, Chopin; ponendosi come uno dei centri più importanti di poesia visiva in Italia. La poesia visiva assume le comunicazioni di massa come proprio oggetto di indagine e nello stesso tempo come proprio strumento di espressione. Negli anni Novanta si snodano anche una serie di mostre dedicate ad artisti e tendenze di forte attualità. Si ricorda “Sculture nella città” di Bruno Munari nel 1990, una selezione di grandi sculture in metallo esposte sul lungomare di Napoli. Le sculture diventano segnali per la fantasia, con lo scopo di incuriosire lo spettatore stimolando la sua immaginazione. Nel 1992 vengono ricostruiti 4 Environment di Allan Kaprow. Padre dell’Environment, Kaprow pensa l’arte come messa in scena di sentimenti, di desideri, di emozioni, dove lo spettatore da passivo contemplatore di oggetti si trasforma in attivo protagonista di movimenti, oltrepassando la soglia dell’arte. Nello stesso anno lo Studio Morra trasferisce la sua attività dal quartiere Chiaia al Rione Sanità e costituisce la Fondazione Morra che pone alla base della propria attività artistico-culturale “l’arte per amore della ricerca e della conoscenza”, richiamando con forza le finalità sociali che vedono nella promozione culturale l’orizzonte di senso da seguire per rivalutare le aree a forte degrado sociale. Il 13 settembre 2008 è stata inaugurata la nuova sede e struttura museale, sita in Vico Lungo Pontecorvo 29d, composta dal Museo Archivio/Laboratorio Hermann Nitsch, un luogo di raccolta e di esposizione del lavoro di Hermann Nitsch, ma anche un soggetto culturale attivo, impegnato nella riflessione critica e teorica attorno al grande artista austriaco, che si sviluppa attorno a una serie di nuclei fondamentali

  1. il Centro di Documentazione, ricerca e formazione, organizzato attraverso l’implementazione informatica di testi, immagini e eventi che partono dal XX secolo e l’aggiornamento di un sito internet;
  2. il Dipartimento per il Cinema Sperimentale Indipendente;
  3. la Discoteca di musica contemporanea, dal 1940 ai nostri giorni
  4. il Centro per le Arti Performative e Multimediali, informatizzati ma collegabili e unificabili a prevedibili archiviazioni future
  5. la Biblioteca delle Avanguardie e Neoavanguardie, un nuovo ambiente ritagliato da un corpo di fabbrica adiacente al Museo Nitsch lungo un’area di circa 240mq.

Il 28 ottobre 2016 Giuseppe Morra ha inaugurato un nuovo spazio museale Casa Morra - Archivio d’Arte Contemporanea, a Palazzo Ayerbo D’Aragona Cassano, un complesso di 4.200 mq che sarà, nel tempo, gradualmente ristrutturato per ospitare l’ampia collezione Morra, composta da oltre 2000 opere, e realizzare mostre dedicate agli artisti della fondazione e a quelli dell’ultima generazione. Casa Morra si propone come uno spazio dinamico in grado di stimolare la riflessione e la ricerca in relazione alla società e la sua evoluzione, una “casa delle idee” intesa come centro per la riqualificazione ambientale, per l'innovazione sociale, per la residenza per artisti; una sede per creatività, ricerca, pratica, workshop, poesia, teatro, musica, cinema, seminari, convention e meeting.

La Fondazione Morra, oltre a promuovere e organizzare la ricerca, la realizzazione e la divulgazione della cultura delle comunicazioni visive, è destinata alla produzione e trasmissione intergenerazionale della cultura contemporanea, svolgendo la propria attività con il predisporre, in base alle elaborazioni fatte dai dipartimenti in cui si articola e facendo riferimento a concrete situazioni socio-culturali, interventi orientati a leggere le complesse dinamiche che avvengono nei sistemi micro e macro-sociali delle produttività e delle economie di “cultura della comunicazione”, al fine della promozione di lavori in gruppi spontanei o in contesti istituzionalizzati che possano incrementare il coinvolgimento e l’assunzione di quanti intendono promuovere comunità capaci di sviluppare ed utilizzare correttamente le risorse dei territori della cultura attuale. È stata iscritta nell’Albo Regionale sezione “Alta Cultura” e riconosciuta altresì come Museo di Interesse Locale nel 2007, dopo l’inserimento nel registro delle personalità giuridiche nel 2005.

Collabora con realtà nazionali ed internazionali, tra cui la Kaprow Estate, Los Angeles ; MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo - Roma; Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma; MACRO - Museo d'Arte Contemporanea di Roma; Torino, GAM - Galleria Civica d’arte moderna e contemporanea; University of Texas - Dallas; Facoltà di Architettura Università degli studi di Napoli “Federico II”; Università di Salerno – Dipartimento di Filosofia – Dipartimento di Matematica e Informatica; Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee - museo MADRE, Napoli; PAN – Palazzo delle Arti di Napoli; Centro per l’arte Contemporanea Luigi Pecci - Prato; Accademia delle Belle Arti – Napoli; Accademia delle Belle Arti - Brera; l'Istituto Superiore d'Arte di Cuba; Mart - Il museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto; Fondazione Mudima – Milano; Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig – Vienna; Anthology Film Archives – New York; Al Hansen Archive – California.

Fondazione Morra

Vico Lungo Pontecorvo 29/d
80135 Napoli

Orari: lunedì-venerdì 10- 19 | sabato 10-14

Info Point

Tel +39 081 5641655
Fax +39 081 5641494

info@fondazionemorra.org

Menu

Newsletter
Privacy & Cookie Policy