quartiere arte2casa morra2museo nitsch2shimamoto2LOGO TOP VIGNA

Opening Ekrem YalcA ndag


The Language of Diversity - Ekrem Yalcindag

Napoli, Museo Nitsch, 19 febbraio 2016

Nelle sale della Biblioteca del Museo Nitsch, si è tenuta la prima mostra in Italia dell’artista turco Ekrem Yalçındağ.

Le diciotto opere diverse per forma e colore rappresentano ciò che di più avvicina la tradizione orientale a quell’occidentale, non pura decorazione ma esplosione di colori ottenuta attraverso una minuziosa indagine del particolare.

“…lui reclama il linguaggio della molteplicità. sono sempre le particelle più piccole che compone su superfici pittoriche spesso gigantesche. lui tratta questi elementi come se fossero delle molecole, degli atomi. crea delle strutture simili a strutture molecolari. comunque la sua opera ha molto a che fare con la costruzione di strutture che si intrecciano, che spesso attraversano la superficie enorme delle sue opere. ci fanno pensare in qualche modo a modelli fisici, quasi utopici del processo della creazione del mondo. si suggeriscono processi di fertilizzazione. si sa che ha studiato le forme di fiori e foglie e che queste esperienze si rispecchiano nell’ordine dei suoi quadri. universi di colori formati da gradazioni sottili conferiscono alle superfici, da lui plasmate, un eccesso cromatico. visualizza il divenire della creazione e nonostante ciò, manca la dimensione spaziale della velocità, del tempo e dello spreco di spazio. assolutamente positiva ritengo la vicinanza delle sue opere alla op-art. questi artisti avevano gli stessi suoi problemi con l’espressione artistica non figurativa. creare dei cerchi concentrici rappresenta un problema archetipico per gli artisti. il bersaglio dell’arciere dei ciechi monaci buddisti zen indica la strada anche a ekrem. più volte abbiamo parlato di spazio, della riproduzione prospettica dello spazio tramite la pittura figurativa, che doveva essere superata a favore della pittura astratta e dello spazio reso non figurativo dai tappeti orientali e dagli ornamenti. penso che i dipinti di ekremy alcindag contengono questa forza. i suoi dipinti trasmettono qualcosa dell’effetto di opere realizzate da pittori del liberty. la terza dimensione passa in secondo piano a favore di una quarta dimensione, oggettivamente non spiegabile”

Hermann Nitsch, Prinzendorf, gennaio 2016

 

 

Fondazione Morra

Vico Lungo Pontecorvo 29/d
80135 Napoli

Orari: lunedì-venerdì 10- 19 | sabato 10-14

Info Point

Tel +39 081 5641655
Fax +39 081 5641494

info@fondazionemorra.org

Menu

Newsletter
Privacy & Cookie Policy