quartiere arte2casa morra2museo nitsch2shimamoto2LOGO TOP VIGNA

23 06 2016 indipendent Film Show 15 edition

Independent Film Show 16 edition

 

INDEPENDENT FILM SHOW 16th edition, rassegna internazionale dedicata al cinema sperimentale indipendente, coordinata da Raffaella Morra, si svolge giovedì 23, venerdì 24 e sabato 25 giugno sul Belvedere del Museo Nitsch con la proiezione dei tre programmi di films 16mm e video e delle tre expanded cinema performances.

Una resistenza alla fissità di classificazione e genere si esprime nei tre giorni dell’Independent Film Show 16th edition che predilige il mescolamento dei procedimenti, il non finito, l’errore, la casualità della scoperta; non c’è una definizione esatta, una nomenclatura per questo cinema, ma la pratica continua ad essere artigianale, il materiale prediletto è il film 16mm e, quando possibile, la condivisione dell’atto creativo delle expanded cinema performances. I meccanismi fisici della costruzione filmica, come le differenti tecniche di impressione fotografica, le trasformazioni chimiche della pellicola e il processo di metamorfosi della luce, restano il fulcro di indagine attorno al quale costruire il proprio viaggio conoscitivo. Un’esperienza di disorientamento può assalire lo spettatore inesperto o occasionale, penetrando in un territorio caratterizzato dall’inatteso. Non c’è un’unica risposta, né l’illusione della verosimiglianza a cui affidarsi, invece, occorre lasciar fluire un turbinio di sensazioni che stimolano un’attività percettiva inusuale e si imprimono nella memoria.

La concreta materialità del supporto filmico e la meccanica dell’apparato di proiezione sono ancora saldamente nelle mani dei film-makers, che ne controllano i minuziosi dettagli di creazione, e con la chiusura delle grandi società, come Kodak, l’incipit è Do It Yourself, appropriandosi così anche delle fasi di produzione. Un impulso significativo di inventiva e collaborazione tra laboratori filmici artigianali ha sensibilmente ampliato le possibilità di sperimentazione dei film-makers; l’Independent Film Show 16th edition è un’esplorazione fra le esperienze di queste officine: il programma Explorative Journey selezionato da Raffaella Morra è un breve excursus tra le recenti opere filmiche realizzate presso l’Etna e l’Abominable in Francia, il Filmwerkplatts di Rotterdam, e il Nanolab in Australia.

Karel Doing, film-maker ideatore nel 1990 del laboratorio Studio één e attualmente di Film in Process con Bea Haut (a Napoli in due edizioni IFS, con le performances Four Eyes del 2006 e Darkloupe nel 2012), seleziona il programma Cinematica Erratica, una celebrazione di un linguaggio filmico sabotato, in cui accogliere le riprese errate, le tecniche ed i suoni che normalmente sarebbero visti come imprecisi e difettosi. L’irrazionale è utilizzato come forte antidoto contro i codici di condotta esistenti, l’assenza è usata per evocare un rinnovato senso di meraviglia, e dalla collisione del naturale con il tecnologico, i contorni si sfumano.

Hand and Machine presenta sei films di Richard Tuohy e Dianna Barrie, cine-sperimentalisti del DIY Australiani, che esplorano il primitivo apparato del cinema e il rapporto tra la mano e la macchina nell’era post meccanica. In particolare, essi hanno ideato Chromaflex, una nuova tecnica foto-chimica che permette il controllo selettivo di immagini negativo e positivo colore e bianco e nero sulla stessa striscia di pellicola filmica e che dette decisioni di selezione siano effettuate in piena luce.

Giovedì 23 giugno (ore 11:00-15:00) e venerdì 24 giugno (ore 15:00-20:00), il metodo Chromaflex è argomento del workshop organizzato in collaborazione con ARK-FILM lab TerzoPianoAutogestito (necessaria l’iscrizione / Palazzo Gravina).

Nelle expanded cinema performances, l’approfondita conoscenza dell’apparato proiettivo, l’ambiente, l’improvvisazione e la casualità si compenetrano in un processo dinamico attivato dalla partecipazione del pubblico: giovedì 23 giugno Portraits di 70FTP (Andrea Saggiomo), venerdì 24 giugno Palindrome Series e Pattern/Chaos di Karel Doing, sabato 25 giugno Dot Matrix e Inside the Machine di Richard Tuohy.

 

Museo Nitsch

vico Lungo Pontecorvo 29D-80135 Napoli

Tel.++ 39 0815641655 - Fax. ++39 0815641494

www.em-arts.org / www.fondazionemorra.org

 

Fondazione Morra

Vico Lungo Pontecorvo 29/d
80135 Napoli

Orari: lunedì-venerdì 10- 19 | sabato 10-14

Info Point

Tel +39 081 5641655
Fax +39 081 5641494

info@fondazionemorra.org

Menu

Newsletter
Privacy & Cookie Policy